TeleTu e diritto di recesso

Per essere clienti veramente esperti e distinguere tra le voci di popolo (se ti abboni poi sei legato per sempre, quelli promettono mari e monti, ma poi ti fatturano il prezzo pieno) e le reali azioni ingannevoli nella vendita a distanza è istruttivo ogni tanto visitare il sito dell’AGCM, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, e leggersi i provvedimenti e le sanzioni comminate ai vari operatori, che sono pubbliche e a disposizione di tutti .

Leggo ad esempio il provvedimento sanzionatorio contro TeleTu del 14/02/2012 per comportamenti ingannevoli nel riconoscere il diritto di recesso.

Il procedimento concerne il comportamento posto in essere daTeleTu S.p.A. attiva nel settore della telefonia fissa, consistente nell’ aver ostacolato l’esercizio del diritto di recesso ed aver omesso di fornire ai consumatori informazioni chiare, precise e dettagliate in merito alle modalità attraverso le quali questi ultimi possono richiedere la cessazione, da parte di TeleTu, della fornitura di servizi di telefonia fissa e/o per la navigazione in internet ed agli elementi da inserire in tali richieste al fine di consentirne un’efficace e tempestiva lavorazione.

In particolare nel periodo gennaio 2010 – gennaio 2012, TeleTu non avrebbe dato corso in maniera corretta e tempestiva a numerose richieste di cessazione della fornitura dei Servizi presentate dai consumatori.

Inoltre, TeleTu avrebbe continuato a fatturare, talvolta anche a distanza di svariati mesi, i canoni per la fruizione del servizio benché gli utenti avessero espresso in modo  inequivocabile la volontà di esercitare il diritto di recesso, conferendo mandato a società di recupero crediti al fine di ottenere il relativo pagamento.

La pratica oggetto di contestazione riguarda gli ostacoli ed i ritardi finalizzati a rendere più difficoltosa la cessazione della fornitura dei Servizi, e veniva, altresì, ipotizzata l’aggressività del comportamento posto in essere da TeleTu per aver emesso fatture relative alla fornitura di Servizi prestati successivamente al ricevimento di richieste di cessazione, nonché all’attivazione di procedure di recupero coattivo dei relativi crediti.

La cessazione dei Servizi offerti da TeleTu è disciplinata dalle Condizioni Generali di Contratto pubblicate sul sito internet: “Qualora il cliente eserciti il diritto di recesso (…) la relativa comunicazione di recesso dovrà essere inviata all’indirizzo Casella Postale 1022, 88046 San Pietro Lametino (CZ) a mezzo raccomandata a/r”

Le raccomandate aventi ad oggetto una richiesta di cessazione, disattivazione o recesso vengono scansionate e prese in carico dal fornitore esterno Postel S.p.A. il quale le invia alla società Transcom Wordlwide S.p.A. (TWW) che, dal mese di settembre 2010, provvede a gestirle in via esclusiva esaminando ogni raccomandata.

Il sistema predisposto da TeleTu dovrebbe garantire la disattivazione al massimo entro trenta giorni dal ricevimento della raccomandata .

Dagli accertamenti ispettivi è tuttavia emerso che TWW in accordo con TeleTu, adducendo l’apparente obiettivo di comprendere la reale volontà del consumatore, contatta la quasi totalità dei consumatori che inviano la richiesta di cessazione/migrazione dell’utenza proponendo offerte e piani tariffari al fine di indurli a revocare la propria istanza di recesso (cosidetta retention)

L’analisi della documentazione agli atti ha, altresì, rivelato una grave anomalia nel processo di smistamento e scansionatura delle raccomandate ricevute presso la casella postale di TeleTu.  Postel avrebbe spesso smarrito o non avrebbe correttamente processato le raccomandate ricevute dagli utenti.

il ritardo nell’evasione delle richieste di cessazione dei Servizi dipenderebbe secondo TeleTu dagli utenti che non compilerebbero correttamente le relative richieste confondendo il recesso con la migrazione, da cui dipenderebbe anche l’accumulo di un notevole ritardo nell’evasione delle raccomandate inviate dai consumatori;




New Joy Image Banner 468 x 60

TeleTu ha comunque  presentato impegni volti a rimuovere i profili di scorrettezza della pratica commerciale oggetto di contestazione.
In particolare, la società ha presentato impegni consistenti in:

1) Rendere facilmente disponibili, a semplice richiesta del cliente (effettuata anche solo a mezzo telefono o via web), tutte le informazioni utili per recedere dal contratto di fornitura dei servizi TeleTu, mettendo a tal fine a disposizione del cliente un modulo precompilato per esercitare agevolmente e correttamente il diritto di recesso. Il cliente sarà anche adeguatamente informato del fatto che la disattivazione della linea, conseguente al recesso, comporta la perdita definitiva del numero di telefono e del fatto che, qualora volesse invece semplicemente cambiare operatore e mantenere il numero, non dovrà chiedere il recesso, ma solo avviare la procedura di migrazione con il nuovo operatore prescelto.

2) Nel caso in cui il cliente manifesti la volontà di non dare corso alla richiesta di recesso con disattivazione della linea, modificare lo script di registrazione che viene utilizzato a tale scopo, al fine di informare il cliente su cosa è necessario fare per ottenere il  trasferimento della propria utenza verso altro operatore attraverso la procedura di migrazione, mantenendo così attiva la linea e il proprio numero di telefono;

3) Nel caso in cui il cliente abbia chiesto a TeleTu il recesso dal contratto di fornitura del servizio appena sottoscritto ed intende tornare all’operatore di provenienza, mantenendo linea e numero telefonico, modificare lo script utilizzato per la registrazione, per informare il cliente che qualora la procedura di migrazione verso TeleTu non sia più tecnicamente interrompibile, per poter rientrare presso il precedente operatore mantenendo il proprio numero sarà necessario che il cliente chieda l’avvio di una nuova procedura di migrazione;

4) far sì che il Servizio Clienti fornisca gratuitamente ogni utile informazione sullo stato di avanzamento della procedura di disattivazione del servizio, indicando anche al Cliente, grazie all’impegno successivo, la data certa di  effettiva cessazione della linea e della fatturazione;

5) modificare le proprie procedure operative per garantire la cessazione del servizio entro trenta giorni dal ricevimento della richiesta di recesso del cliente e far sì che tale data certa di cessazione del servizio sia automaticamente considerata tale anche dal sistema di fatturazione (anche nel caso di complicazioni di carattere tecnico o ritardi nella gestione della richiesta di cessazione da parte dell’operatore che gestisce effettivamente la linea), in modo da impedire la generazione di fatturazioni successive alla data di cessazione garantita al cliente come certa e definitiva.

6) indennizzare i consumatori che, pur senza colpa di TeleTu, possano aver patito un disservizio in seguito al ritardo generatosi per qualunque causa nella gestione delle richieste di cessazione dei servizi, riconoscendo ad ognuno l’importo di euro cinquanta.

Con parere pervenuto in data 14 febbraio 2012, la suddetta Autorità ha ritenuto che la pratica commerciale in esame risulta scorretta ed idonea “a orientare indebitamente le scelte dei consumatori relativamente alle offerte di TeleTu.” “l’attivazione, così come la cessazione di servizi di accesso deve avvenire in condizioni di massima trasparenza nei confronti dell’utente finale e che tale trasparenza può aversi solo attraverso l’invio di comunicazione scritta. ”

Pur volendo valutare ammissibili gli impegni, gli stessi risultano inidonei a rimuovere i profili di scorrettezza contestati nella comunicazione di avvio del procedimento.

In particolare, per quanto attiene al primo impegno (la predisposizione di un modulo prestampato ad hoc) si evidenzia che lo stesso risulta carente di alcune informazioni essenziali per il corretto esercizio del diritto di recesso. Il modulo omette, ad esempio, di indicare la necessità che alla richiesta venga allegato un documento d’identità valido, gli eventuali costi di disattivazione e le modalità di fatturazione degli importi medio tempore erogati dal professionista. Risultano inoltre poco semplici e accessibili anche le modalità di reperibilità del modulo stesso. Il consumatore che intendesse esercitare il diritto di recesso, infatti, dovrebbe necessariamente contattare il servizio clienti o inviare una comunicazione email con il rischio di un rallentamento della richiesta di disattivazione. Tali eventuali ritardi potrebbero evitarsi, ad esempio, rendendo disponibile direttamente sul sito on line il modulo in questione, in un’apposita ed evidente sezione.

Anche il quarto impegno (fornitura gratuita di informazioni da parte del Servizio Clienti sullo stato di avanzamento della pratica di disattivazione) non appare particolarmente meritevole di considerazione, atteso che non viene predisposto alcun numero telefonico dedicato o alcuna corsia preferenziale per i clienti in questione.

Sussiste, pertanto, nel caso di specie, l’interesse dell’Autorità a procedere all’accertamento dell’infrazione.

Il comportamento di TeleTu deve, inoltre, ritenersi contrario al grado di diligenza ragionevolmente esigibile nel caso di specie. Infatti, attesa la propria consapevolezza circa la natura e la dimensione del problema, il professionista avrebbe dovuto assumere misure e iniziative efficaci e adeguate ad assicurare una gestione sufficientemente corretta e tempestiva delle richieste di recesso dei consumatori, nonché l’immediata sospensione del processo di fatturazione almeno per il tempo necessario a verificare, in caso di incertezza, l’effettiva volontà espressa dal cliente mediante la richiesta di interruzione del rapporto contrattuale.

Per quanto riguarda la durata della violazione, dagli elementi disponibili in atti e sulla base delle segnalazioni ricevute, risulta che la pratica commerciale oggetto di contestazione è stata attuata nel periodo gennaio 2010 –gennaio 2012.

Sulla base di tali elementi, l’AGCM ritiene di determinare l’importo  della sanzione nella misura di 250.000 € (duecentocinquantamila euro).




ADSL flat con telefonate illimitate a 0 Cent

TeleTu e diritto di recesso ultima modifica: 2012-03-11T19:17:40+02:00 da admin-Salvatore

19 thoughts on “TeleTu e diritto di recesso

  1. teletu non mi ha mai inviato un prospetto informativo,sono stato 10 giorni senza internet,ho pagato la prima bolletta di eur 55’52 e dopo un mese dall’attivazione con teletu sono passato ad infostrada che ha servizi migliori.Ora hanno passato la pratica alla ge.ri. e pretendono la somma di 47 eur per spese di recupero+altre 50 eur per consumi.47 eur mi sembra una cifra usuraia a fronte di un debito di 50 eur.Penso di adire le vie penali contro questi signori

  2. Salve,
    ho appena fatto richiesta di passaggio al altro fornitore dopo che teletu continuava a non mandarmi le fatture per posta, dopo svariati solleciti telefonici per riceverla da giugno ad oggi ancora nulla, in compenso ricevo, non sempre, degli sms per pagare le fatture non ricevute con avviso che dopo 7gg staccano la linea. Hanno passato la pratica alla soc.recupero crediti geri dopo solo 10gg dalla scadenza di pagamento della fattura mai ricevuta. Mi è arrivato l’avviso per posta della geri il giorno dopo della data di scadenza del pagamento indicato sulla lettera scritta 10gg prima, dove scrivono che è impossibile contattarmi via telefonica, falso in quanto gli sms li inviano, la lettera è arrivata senza timbro di spedizione. Dal centralino della teletu ripetono sempre che non possono inviare mail o fax delle fatture, che non sanno quanto tempo passa prima che la pratica vada alla società di credito. Unica possibilità è inviare una mail sul sito ma comunque non ti ricontattano. Non penso che si possano pagare fatture se mai ricevute solamente con avvertimenti via sms, oltretutto il servizio viene scollegato da loro automaticamente dopo 7gg della scadenza della fattura ma continuano a fatturare, sempre senza mai inviare i documenti fiscali.

  3. Sono migrato ad altro operatore in dicembre 2011, teletu mi ha mandato sms telefonici per il pagamento di fatture che non ho mai ricevuto, minacce varie sempre via sms. Ho inviato una raccomandata A/R chiedendo di risolvere pacificamente la questione con l’invio delle fatture da saldare con il riepilogo dei relativi costi. La risposta è stata sempre via SMS, con minaccia di pagare altrimenti staccano la linea telefonica (non possibile perchè sono passata ad altro operatore). Come si può risolvere la cosa?

    1. Purtroppo non sei la sola in questa situazione e TeleTu è già stata ripresa per questo.
      Quello che puoi fare nell’ordine è:
      – telefonare e parlare con un operatore. Chiedi se e quando hanno ricevuto la tua disdetta e come mai non hanno dato corso
      – scrivere a Teletu e ad una qualsiasi associazione di consumatori . L’indirizzo di una qualsiasi associazione sulla lettera fa fare miracoli.
      – se la storia non si risolve rivolgiti al Co.Re.Com della tua regione.

  4. Teletu mi ha fatto con l’inganno, sottoscrivere vocalmente un abbonamento ADSL 24 ore unlimited tutto per te a 18, 90 euro per due anni, mai seguito da contratto scritto da sottoscrivere. La ADSL non funzionava e per ben due mesi mi hanno fatto penare. Intanto le bollette levitavano da 30 fino anche a 150 euro con costi assurdi tipo addebito contributo voce per il 22 del mese successivo alla bolletta. Stancia, alla seconda bolletta disdico l’addebito in banca e chiamo il customer service dicendo che volevo contratto, tabulati e spiegazioni per le voci incomprensibili dette “contribuo”: offendevano o ridevano in faccia. Il massino l’ho raggiunto qunado stanca di non avere tabulati e spiegazioni ho disdetto l’abonnmaento con cessazione della linea: stalking per un’intera giornata a me e mia figlia, la quale trumatizzata non ha dormito per un mese temendo di finire in prigione. La disdetta viene inviata il 15 agosto, la ricevono il 30 e mi staccano la linea per morosità( da loro causata) la metà di agosto: sopresa arriva una bolletta di 100 e passa euro per i mesi di agosto e luglio con contrinuto al 22 settembre di 32 euro per cosa non si sa ancora. Ora una certa società GERi sRl ( Ho buttato via il telefono proprio per non sentirli mai piu’) mi minaccano con messaggini telefonici di dare loro per conto di Tele e Tu 300 euro per cosa non so : si può sollecitare per ms una morosità. La ciliegia è che non mi hanno mandato mai nè contratto, nè tabulati nè spiegazioni delle voci ma una banale lettera in base alla quale dal loro controllo delle mie bollette era tutto ok. Aspetto il famoso avvocato con altre minacce, nel frattempo vado all’associazione consumatori con tutte le carte e bollette e denuncio per fermare questa truffa.

  5. Per esperienza personale posso dare 2 consigli : 1) non fate caso a tutte le lettere dove si parla di ricorso all’autorità giudiziaria per recuperare somme presumibilmente dovute, in quanto è obbligatorio prima il ricorso all’organo di conciliazione. — 2) Se GERI continua a stressarvi, andate sul sito del garante della privacy e troverete le istruzioni per inoltrare una segnalazione o una denuncia. Potete farlo anche se semplicemente sulla busta di geri ci sono scritte frasi come RECUPERO CREDITI leggibili da chiunque maneggi la posta (per esempio il postino), in quanto è considerata una scorrettezza. Denunciate tutti queste cose, così vedrete che belle multe si prendono

  6. sabrina :
    Teletu mi ha fatto con l’inganno, sottoscrivere vocalmente un abbonamento ADSL 24 ore unlimited tutto per te a 18, 90 euro per due anni, mai seguito da contratto scritto da sottoscrivere. La ADSL non funzionava e per ben due mesi mi hanno fatto penare. Intanto le bollette levitavano da 30 fino anche a 150 euro con costi assurdi tipo addebito contributo voce per il 22 del mese successivo alla bolletta. Stancia, alla seconda bolletta disdico l’addebito in banca e chiamo il customer service dicendo che volevo contratto, tabulati e spiegazioni per le voci incomprensibili dette “contribuo”: offendevano o ridevano in faccia. Il massino l’ho raggiunto qunado stanca di non avere tabulati e spiegazioni ho disdetto l’abonnmaento con cessazione della linea: stalking per un’intera giornata a me e mia figlia, la quale trumatizzata non ha dormito per un mese temendo di finire in prigione. La disdetta viene inviata il 15 agosto, la ricevono il 30 e mi staccano la linea per morosità( da loro causata) la metà di agosto: sopresa arriva una bolletta di 100 e passa euro per i mesi di agosto e luglio con contrinuto al 22 settembre di 32 euro per cosa non si sa ancora. Ora una certa società GERi sRl ( Ho buttato via il telefono proprio per non sentirli mai piu’) mi minaccano con messaggini telefonici di dare loro per conto di Tele e Tu 300 euro per cosa non so : si può sollecitare per ms una morosità. La ciliegia è che non mi hanno mandato mai nè contratto, nè tabulati nè spiegazioni delle voci ma una banale lettera in base alla quale dal loro controllo delle mie bollette era tutto ok. Aspetto il famoso avvocato con altre minacce, nel frattempo vado all’associazione consumatori con tutte le carte e bollette e denuncio per fermare questa truffa.

    -___________________SABRINA, l’avvocato sarà famoso come dici tu, ma non deve aver fatto molto carriera se si è ridotto ad inviare lettere stampate in serie per pochi spiccioli. Io mi vergognerei

  7. Salve,faccio parte anche io da quel gruppo che e stato truffato del teletu,e venuto il assistente per fare l’impianto per la lineea telefonica,fino ad ora ho soltanto una pressa telefonica senza telefono senza modem,e una linea dicono loro attiva ,senza che io possa utilizare internet ho telefono.Le bolette arivano ma il assistente per finire il suo lavoro no, sono passati 6 messi.Ho mandato la disdetta con raccomandata nel messe di settembre ma le bollette arivano lo stesso.MA CHE VERGOGNA,ma di siguro loro non hanno solo una facccia di……………

  8. Sono titolare di una enoteca storica 51 anni di attivita’ vicino il centro di roma mi e’ stato proposto nel mese di novembre 2012 un contratto a p.iva da teletu comprensivo di adsl e telefonia ho aderito e al cambio di gestore dal vecchio sono stato circa 4 settimane con assenza di linea alla riattivazione mi sono trovato attivato un numero telefonico diverso da quello che storicamente era in mio possesso senza comunque avere attivata l’adsl poco dopo di nuovo telefono isolato per circa 20 giorni e dopo aver sollecitato continuamente assistenza ho scoperto che il numero assegnatomi per sbaglio era stato a sua volta assegnato ad altri che nemmeno avevano contratto telefonico ma solo di adsl a questo punto ho attivato una procedura legale tramite il mio legale chiedero’ danni di mancato guadagno e soprattutto di oscurazione di immagine della mia attivita’.Sconsiglio a tutti di aderire a questo operatore telefonico in quanto assente sia dal punto assistenziale sia dal punto qualitativo.

  9. Salve, dopo aver inviato raccomandata ricevuta di ritorno alla Teletu, sono in “ballo” da 4 anni e mezzo, avendo la suddetta continuato a fatturare per altri 6 MESI. Ho continuato a ricevere richieste da sedicenti Uffici Legali, fino ad oggi in cui mi intimano di pagare o accettare un saldo e stralcio del 40% !!!!!!!!!!!!!!!!!! Non ho parole. E’ un furto legalizzato.

  10. A me, continuano a mandare sms di richiesta pagamento da parte della geri con minacce di aumento di sgravi, ho anche parlato con un loro operatore che mi aveva promesso di inviarmi le fatture, mai ricevute dall’anno scorso, che poi non ha mandato, continuano e continuano a mandare sms ma io ho già fatto inviare una lettera dal mio avvocato direttamente alla TELETU, quindi sono loro a dovermi contattare. Concordo con voi sullo stesso guidizio a questo gestore.

  11. salve,
    sono un cliente TeleTu da più di un anno che da febbraio 2013 ha integrato il contratto “voce” con un contratto “ADSL”. Ho riscontrato un’eccessiva lentezza della linea “ADSL” e ho quindi provveduto a contattare il Servizio Clienti, il quale, dopo aver verificato che non ci fossero problemi di setting, mi ha ESSO STESSO consigliato di effettuare il Test dell’AGCOM (“Nemesys”). Il Test ha riscontrato e certificato UN’INADEMPIENZA DELL’OPERATORE nella velocità di soglia minima garantita.
    Volendo migrare ad altro operatore e chiedere la rescissione per giusta causa con annullamento della panale relativa ed eventuale rimborso delle mensilità già pagate, SENZA PERò PERDERE IL NUMERO TELEFONICO ATTUALE, devo prima effettuare un reclamo a Teletu allegando la certificazione AGCOM o effettuare prima la migrazione ad altro operatore e retroattivamente chiedere il rimborso?
    Quali sono le MODALITà (modulistica, tempistiche, etc…) per chiedere la rescissione per giusta causa a TeleTu?
    In attesa di una vostra quanto più solerte risposta, vi ringrazio anticipatamente e vi porgo i miei più cordiali saluti.
    Michele R.

    1. Ciao
      io mi trovo nella tua stessa situazione, come hai risolto la situazione ad un anno di distanza ? come ti sei mosso? grazie

  12. Tre anni fa ho avuto la brillante idea di fare una portabilità da telutu a Vodafone da allora è iniziata l’apoteosi ora sono alla quinta disdetta se entro 30 giorni non avrò risposta andrò avanti con l’assistenza legale di altroconsumo.

  13. Salve,
    come avevo scritto in precedenza, avevo avuto problemi con teletu, ma alla fine da un debito di 170 euro (il consumo effettivo) che hanno portato a 540 compresi interessi, mora e vai dicendo, dopo vari sms e telefonate di super avvocati, si è raggiunto un accordo tra avvocati, ho pagato solo 150 €! Meno del debito dovuto.

  14. Feci mandare subito una lettera dal mio avvocato dopo la prima lettera del recupero credito, dall’ora in poi ho sempre risposto che dovevano rapportarsi con il mio avvocato, ma alla fine si è giunti a un accordo tra avvocati al CORECOM di Roma.

  15. Il comportamento scorretto di Teletu è ancora attuato. Da Ottobre 2014, data in cui ho chiesto di recedere dal contratto Voce e ADSL sottoscritto telefonicamento pochi giorni prima, a oggi 27 marzo 2015, non sono ancora riuscita a chiudere i rapporti con la società nonostante mi abbiano inviato una mail in data 15 ottobre 2014 nella quale mi comunicavano che avevano dato corso alla disattivazione. Sono indignata per il loro comportamento e ancor più per l’assenza di interventi sanzionatori e repressivi che gli organi come il vostro e/o le istituzioni in generale non attuano nei loro confronti.

  16. caro clientiesperti.it dopo aver letto il vostro articolo.
    si perdono i peli non il vizio. (oggi 13 ottobre 2015)
    ho effettuato regolare disdetta per un contratto a consumo con raccomandata A/R a partire dal 01 marzo 2013 ed ho chiesto alla telecom con regolare richiesta scritta via fax il passaggio della preselezione automatica verso di loro. risultato dopo due anni e mezzo mi arrivano due fatture da pagare della teletu per telefonate effettuate. alla mia rischiesta di giustifica mi rispondono soltanto che le fatture sono regolari e mi fanno contattare da una società di recupero crediti.
    da un mio controllo risultanno due anomalie : 1) interrogando il numero verde per sapere verso chi ho la preselezione automatica mi risponde, il numero è verso TIM , però di fatto digitando il numero senza alcun prefisso mi risponde il disco della teletu. quindi la telefonata la prende teletu 2): il contratto non è stato chiuso è bello vivo e vegeto. adesso presenterò ricorso all codecom speriamo che risolvo. qualcuno ha esperienza in merito e come ha risolto?

  17. Buona sera, ho fatto la richiesta di disdetta a teletu a ottobre con la raccomandata, a novembre non avevo più l’internet e pensavo fosse apposto infatti nel sito teletu clienti c’era scritto che il contratto è in fase di disattivazione, quello che c’è scritto tutt’ora. A gennaio mi sono trasferita. Poi ho chiamato per vedere che succede e mi dicono che c’è un errore. Hanno ricevuto la raccomandata ma poi ci è stato un errore e ho lasciato il numero dovevano chiamarmi entro due giorni, mai sentiti. Oggi dopo 6mesi mi arriva SMS per mancato pagamento di una fattura di 16€ . Dal 13/12 al 18/12 mi hanno scalato 4 euro, poi costo di attivazione rata fuori campo IVA dal 19/12 al 25/01 addebito di 4€
    Ancora costo di attivazione rata fuori campo IVA dal 27/01 al 09/04/2017 addebito 7€
    Contributo spese 2€
    E addebito oneri di riattivazione 6€.
    Non capisco questa bolletta, mi aspettavo l’addebito di disdetta che doveva essere di 75€ .questo mi sembra strano 16€ di cosa. Grazie buona serata

Aggiungi la tua opinione, lascia un commento

I dati inseriti saranno trattati esclusivamente per la pubblicazione del tuo commento. Leggi la pagina della privacy policy per sapere come proteggiamo i dati che inserisci per commentare. I commenti sono protetti da spam da Akismet. Leggi la privacy policy di Akismet per sapere come trattano i tuoi dati.