Il recesso con il decreto Bersani (bis)

il recesso secondo il decreto bersani bis Visto che in questo momento molti stanno decidendo se abbonarsi a Sky o Mediaset Premium, se prolungare o cambiare operatore, se disdire anticipatamente o legarsi 12 mesi e più, molte volte viene fuorila frase fatta ‘recedo con il decreto Bersani‘ .

Mi sembra giusto  quindi fare una scheda informativa su questa normativa .

Intanto il recesso anticipato senza penali non si fa in base al ‘decreto Bersani’, ma in base alla Legge 2 aprile 2007, n. 40, che ha convertito il decreto Bersani bis (decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7).  Quindi al limite è corretto richiamare il decreto Bersani BIS,  mentre il primo seppure altrettanto riformatore riguarda altri argomenti .

La Legge 2 aprile 2007, n. 40 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 77 del 2 aprile 2007 – Supplemento ordinario n. 91, ha come oggetto  “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7, recante misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza, lo sviluppo di attività economiche e la nascita di nuove imprese”



Quello che ci interessa è l’ Art. 1, comma 3:

I contratti per adesione stipulati con operatori di telefonia e di reti televisive e di comunicazione elettronica, indipendentemente dalla tecnologia utilizzata, devono prevedere la facolta’ del contraente di recedere dal contratto o di trasferire le utenze presso altro operatore senza vincoli temporali o ritardi non giustificati e senza spese non giustificate da costi dell’operatore e non possono imporre un obbligo di preavviso superiore a trenta giorni. Le clausole difformi sono nulle, fatta salva la facolta’ degli operatori di adeguare alle disposizioni del presente comma i rapporti contrattuali gia’ stipulati alla data di entrata in vigore del presente decreto entro i successivi sessanta giorni.

 Il primo punto è che si parla di contratti per adesione. Significa che riguarda solamente i contratti di fornitura di servizi. Non riguarda assolutamente l’acquisto di beni, che comunque è tutelato con altra normativa. Ad esempio per l’acquisto a distanza (via internet o telefono) ci sono 10 giorni di tempo per ripensarci e rinunciare all’acquisto, ma non c’entra il decreto Bersani.

E’ importante notare che l’ambito di applicazione è ben circoscritto e questo articolo riguarda solo contratti stipulati con operatori di telefonia e di reti televisive e di comunicazione elettronica.  Va bene quindi per i contratti Sky e Mediaset Premium, ma non va bene ad esempio per contratti di assicurazione auto o fornitori di energia.

Il fornitore del servizio deve operare la rescissione del contratto:

  1. presto e senza ritardi.  Non può tergiversare e far passare tempo. Mediaset Premium ha avuto un richiamo ed una multa dall’ Authority per questo motivo. Nel contratto di solito è scritto il tempo operativo necessario alla rescissione, in genere la fine del mese successivo a quello della richiesta.
  2. senza spese non giustificate da costi dell’operatore . Questo significa che per il recesso ci possono essere (ed in genere ci sono) delle spese giustificate. Quindi il recesso non è gratis, ma ha dei costi, anche se minimi.

In effetti, la norma non ha posto nessun criterio per quantificare il costo di disattivazione, e sarebbe facile nascondere in questo importo le penali e costi aggiuntivi non consentiti.

L’Authority per le garanzie nelle comunicazioni ha quindi emanato una circolare che definisce i costi di disattivazione solo quei costi effettivamente sostenuti per la disattivazione del servizio, e tale spesa deve essere dagli stessi dimostrabile.

In caso di recesso anticipato il fornitore del servizio può addebitare gli eventuali sconti usufruiti dal cliente. Le offerte ai nuovi abobnati e  gli sconti per il rinnovo vengono concessi a condizione di rispettare la durata contrattuale. Se si recede anticipatamente si devono restituire tutti gli sconti di cui si è usufruito.

Gli operatori giocano molto su questo aspetto. Invece di diminuire il listino in rispetto delle leggi di mercato, scontano del 50% e più in modo ordinario. In questo modo scoraggiano il cliente a recedere perchè si vedrebbe addebitato tutto insieme il 50% di quanto non ha pagato, che potrebbe ammontare a diverse centinaia di euro. E su questo il Decreto Bersani Bis non può aiutare in alcun modo.

 Da parte sua il cliente che recede ha anch’esso degli obblighi.

Se la legge 40/07 stabilisce che i gestori non possono imporre un tempo massimo di preavviso superiore a 30 giorni, allo stesso tempo, specialmente in caso di contratti a tacito rinnovo, il cliente deve comunicare la disdetta per tempo.

Nel contratto devono essere indicate le modalita’ per effettuare la disdetta. In genere viene richiesto l’invio di una raccomandata con ricevuta di ritorno, mentre l’anticipo via fax anche se richiesto non è obbligatorio.

Non vengono accettate raccomandate semplici e sembra un controsenso e secondo me è molto discutibile:

  1. La ricevuta di ritorno è un servizio a favore del mittente e non del destinatario;
  2. Con la tracciatura delle raccomandate via internet la ricevuta di ritorno viene sostituita efficacemente con il tracking online che fornisce le stesse informazioni in tempo reale;
  3. Il Codice di Procedura Civile stabilisce che gli atti sono notificati nel momento in cui il destinatario ne viene a conoscenza. Di fatto quando il fornitore ci contesta che mancava la ricevuta di ritorno ammette di essere a conoscenza della nostra comunicazione di recesso e quindi la notifica è andata in porto.

Nonostante questo ho vissuto la spiacevole circostanza di non vedermi accettato il recesso perchè avevo risparmiato non inviando la raccomandata con la ricevuta di ritorno. Quindi per 50 centesimi in più inutile litigare con il fornitore, anche se si ha ragione, ed usare la A/R .

 Un altro aspetto rilevante in caso di disdetta riguarda la restituzione degli apparati eventualmente ricevuti a titolo di comodato.
In genere questo servizio e’ gratuito, ma puo’ essere previsto anche a titolo oneroso. Gli artt. 1809 e 1810C.C. stabiliscono in capo al comodatario l’obbligo di restituzione della cosa alla scadenza del termine convenuto, oppure, qualora non sia previsto un termine all’accordo negoziale, quando il comodante la richieda.

La restituzione può avvenire tramite posta, corriere o presso un centro di assistenza del fornitore. In ogni caso la spedizione è a carico del cliente.


Il recesso con il decreto Bersani (bis) ultima modifica: 2011-08-17T20:23:59+00:00 da admin-Salvatore

90 thoughts on “Il recesso con il decreto Bersani (bis)

  1. Un esempio dei ‘falsi’ sconti per trattenere il cliente.
    Sky sta offrendo il decoder MySkyHD al prezzo superscontato di € 9,90 compreso consegna ed installazione.
    Io l’ho preso subito e consiglio di non farselo scappare.
    Dopo l’attivazione Sky mi ha scritto una lettera che riassumo nei punti essenziali:
    come ti è stato comunicato telefonicamente ti ricordiamo che in caso di recesso nei primi 12 mesi dalla data di attivazione della promozione Sky si riserva la facoltà di richiedere il corrispettivo pari alla differenza tra il costo di listino ed il costo promozionato.
    Qualcuno poco informato potrebbe pensare:”ho pagato il decoder meno di 10 euro, quanto sarà il prezzo di listino ? poche decine di euro”.
    in piccolo piccolo è invece scritto:
    Sky richiederà i seguenti importi corrispondenti agli sconti fruiti:289,10€ per i servizi di consegna decoder, verifica ed adeguamento impianto ed attivazione del servizio fornito ai clienti che disponevano di decoder standard o HD; o 189,10 per i clienti che fruivano del servizio MySky.
    Il prezzo è chiaramente gonfiato, il decoder vale sicuramente meno di 100 euro, ma se disgraziatamente si recede anticipatamente non si potrà fare altro che pagare fino ai richiesti 289,10€ (-9,90 euro già pagati) .

    1. Salve,
      L’anno scorso ho cambiato gestore di telefonia e internet passando da fastweb a Telecom tenendo il numero di telefonia che avevo con fastweb. Il contratto è stato stipulato per via telefonica sia con fastweb che con Telecom.
      La dipendente Telecom mi ha chiesto il codice migrazione dicendomi che io non dovevo fare nessuna raccomandata o fax e che avrebbero pensato a tutto loro.
      Da giugno mi arrivano bollette della fastweb solo per internet con un numero diverso da quello con la quale avevo il contratto fastweb e quando ho chiamato per chiedere spiegazioni mi hanno detto che il codice migrazione si utilizza solo per la linea del telefono e che in automatico mi danno un nuovo numero e continuo a pagare internet. Mi hanno detto di mandare un fax con il nuovo contratto Telecom chiedendo di annullare tutto e che tutto si sarebbe risolto. Io ho mandato subito un fax con una precisa richiesta e tutta la documentazione da loro richiesta ma da ieri mi stanno mandando mail e messaggi perché c’è una bolletta da pagare.
      Cosa devo fare??e soprattutto è normale avviare in ” AUTOMATICO” un nuovo contratto con un nuovo numero dopo avermi fatto pagare un sacco di soldi per chiudere il vecchio contratto.

      1. In effetti i codici di migrazione da fornire per portare correttamente a termine la pratica sono due:uno per la telefonia ed uno per l’adsl.
        Comunque segui le istruzioni del servizio clienti fastweb, invia i documenti e aspetta.
        Le email puoi benissimo ignorarle, non contano nulla e partono anche in automatico, senza controllo da parte di chi ha la tua pratica in lavorazione ,
        Solo se dovessero arrivare raccomandate allora devi tenere conto del contenuto. Ma le email non valgono come comunicazione ufficiale.

  2. Anche io sono caduto nella stessa trappola, ma nessuno mi ha mai comunicato quella postilla telefonicamente (se ne guardano bene ovviamente, ladri) e nel documento che mi ha fatto firmare il tecnico che mi ha modificato l’impianto non c’è scritto niente di tutto ciò. Manco a dirlo voglio disdire il contratto.
    Sto preparando un fax di protesta a cui seguirà la disdetta.. e bloccherò il rid..

  3. ho fatto la tutto compreso ricaric della tim e successivamente ho preso un cellulare con delle rate per 24 mesi.sono passati 2 gg e sono assolutamente insodisfatta del cellulare che i commessi del centro tim mi hanno consigliato.cosa posso fare?loro dicono ke non posso piu recedere perkè ho firmato un contratto e sono vincolata.potete chiarirmi le idee?grazie

    1. Sul sito della Tim è scritto:
      Tutto Compreso Ricaricabile Nuovi Clienti

      È possibile disattivare l’Opzione Telefono chiamando il 119. La disattivazione dell’Opzione Telefono nel corso della durata contrattuale dell’offerta (24 mesi pari a 104 settimane) comporta l’addebito di un corrispettivo e del saldo delle rate residue per l’acquisto del Prodotto.
      Il corrispettivo previsto in caso di recesso anticipato verrà addebitato in un’unica soluzione, il cui importo varia in funzione del tempo trascorso dall’attivazione dell’opzione telefono.
      – Per l’opzione telefono di 1€ a settimana: 100€ se il recesso avviene tra la 1° e la 35° settimana, 67€ se avviene tra le 36° e la 70° settimana, 33€ se avviene tra la 71° e la 104° settimana.
      – Per l’opzione telefono di 3€ a settimana: 280€ se il recesso avviene tra la 1° e la 35° settimana, 187 se avviene tra le 36° e la 70° settimana, 93€ se avviene tra la 71° e la 104° settimana.

  4. grazie per la risposta.
    ho telefonato alla tim,ma devi essere fortunato a trovare qlcuno che si interessi del cliente per provare a risolvere dei quesiti..stamattina nn sn stata molto fortunata.cmq il punto è che m hanno convinta al centro tim a comprare un nokia n8,l ho provato ma è molto lento molto.pensavo,dp appena un giorno dall acquaisto di poterlo cambiare con un prodotto piu adatto a me,invece non si puo’ fare.alla tim,dicono che della soddisfazione del cliente gliene importa ben poco,soprattutto dopo ke ha firmato il contratto della rateizzazione del nokia n8..mah!sono rimasta molto molto delusa e perplessa

  5. 3 hanni fa ho stiulato un contratto con Primi Sui Motori, azienda che ha lo scopo di promuovere i siti internet sui motori di ricerca. sul contratto vi è la clausola del rinnovo per tacito assenso. naturalmente dopo 3 anni ho dimenticato di disdire 3 mesi prima il contratto che non volevo più rinnovare. ora l’azienda mi chiede il pagamento. posso avvalermi anche io del decreto Bersani Bis?

    grazie mille per la risposta

  6. un mese fa ho fatto un contratto con la s****** antirapina sul contratto dice che il servizio è attivo dalleore22 alle 06 del mattino lasciandomi obligatoriamente un bigliettino,mai visto ne biglietto e ne vigilanza ora!io pago questi tizzi 36 euro al mese il servizio.ho provato ad annulare il contratto ma da quanto ho capito devo pagare una penale di due terzi al mese x un anno senza avereil servizio ,ma tanto non c’è l’ho lo stesso quindi ho fatto questo x paura dei ladri ma a questo punto io mi chiedo ma chi sono i ladri?quindi se ci fosse un modo x annullare questo contratto senza pagare nulla vi prego di farmelo sapere grazie.

    1. Per questo tipo di contratti non è valido il recesso con il decreto Bersani, però vale la regola generale che se una delle due parti è inadempiente, il contratto può essere annullato. Ma si deve andare per vie legali.
      Comunque da quanto dici mi sembra che tu ritieni necessario questo servizio di sorveglianza, perciò prima di rescindere il contratto dovresti appurare se effettivamente il servizio ti sia reso oppure no.
      Il servizio non è tanto il rilascio del bigliettino (comunque utile a sottolineare il passaggio della sicurezza sia al proprietario che ad eventuali malintenzionati) quanto il fatto che il servizio di sicurezza controlli effettivamente il tuo immobile.

      Quindi ti consiglio di parlare con la società di sicurezza e vedere se potete risolvere amichevolmente il problema.

      In caso contrario rivolgiti ad un avvocato per la rescissione del contratto per inadempienza (senza penali da parte tua, ma semmai con un risarcimento della parte inadempiente)

  7. Io vorrei sapere se ho disdetto esattamente il mio contratto di mediaset premium; allora durata 12 mesi, data sul contratto 22/07/2008 disdetta mandata con raccomandata in data 4/07/2009. penso di essere nei tempi visto che la raccomandata dovevo mandarla entro la fine del mese successivo a quello della richiesta. Vi chiedo un aiuto perché continuo a ricevere lettere in cui secondo loro dovrei pagare ancora delle fatture….

  8. Mese successivo ? non avresti dovuto mandarla almeno 30 giorni prima della scadenza annuale e quindi entro il 21/06/2009 ?

  9. mi scusi ma non so esattamente a cui rivolgermi per sapere se la legge bersani si applica anche sulla telefonia fissa.
    a marzo di quest’anno ho cambiato il contratto da wind infostrada a vodafon per il telefono di casa. la linea vodafon mi è stata allacciata regolarmente il 09/05/2012, ma wind oltre ad avermi lasciato senza linea x gli ultimi 3/4 giorni ora mi manda richieste di pagamento di 35,00 euro per “COSTO PER ATTIVITA’ DI MIGRAZIONE SERVIZIO VERSO ALTRO OPERATORE”. dopo 12 anni con wind, e regolare disdetta fatta x mio conto da vodafon possibile che io debba pagare detto importo?…e la legge bersani allora???
    la ringrazio anticipatamente per una possibile risposta.

  10. Certo, la legge Bersani vale anche per la telefonia fissa, ma come scritto nell’articolo questa non esenta dal pagamento di costi giustificati per il recesso che dovrebbero corrispondere ai costi effettivamente sostenuti dall’azienda per la risoluzione del suo contratto.
    Purtroppo questo importo ‘giustificato’ non è quantificato per legge.
    I 35,00 euro richiesti da Wind sono quindi dovuti.

  11. admin-salvatore :Certo, la legge Bersani vale anche per la telefonia fissa, ma come scritto nell’articolo questa non esenta dal pagamento di costi giustificati per il recesso che dovrebbero corrispondere ai costi effettivamente sostenuti dall’azienda per la risoluzione del suo contratto.Purtroppo questo importo ‘giustificato’ non è quantificato per legge.I 35,00 euro richiesti da Wind sono quindi dovuti.

    Salve,
    anche io ho disdetto un contratto con TeleTu, ma dopo una serie di vicissitudini in cui mi attribuivano ancora il servizio ADSL, quando io già lo ppagavo al nuovo gestore, loro mi hanno mandato una nota con cui mi chiedono di pagare 43, 58 euro, senza dire a cosa si riferiscono. Ho chiamato il Servizio Clienti e un operatore, tra l’altro anche aggressivo, mi ha detto che questo era il costo di disattivazione, e mi ha citato il decreto bersani. Ovviamente questo non era citato sulla nota! Ovviamente dimenticavo di dire che la mia NON è una disdetta anticipata.
    Qualcuno può darmi una dritta, cioè non so se pagare questa somma o fare di nuovo ricorso. Cioè loro hanno diritto di chiedermi tale somma?

    Ringrazio in anticipo

  12. dopo aver spedito raccomandata con ricevuta di ritorno a SKY per disdetta abbonamento
    (ero cliente da qualche anno) mi viene richiesto un saldo di 88 euro perchè a detta loro il decreto Bersani in questo caso impone il pagamento di due rate.
    E’ vero?
    Grazie

    1. si e no . Il decreto Bersani non impone di pagare due rate.
      Però la disdetta deve essere inviata almento 30 giorni prima e Sky ti disattiva il servizio alla fine del mese .
      Quindi se spedisci disdetta il 01 settembre, vale dal 01 ottobre, ed essendo iniziato il mese la disdetta sarà operativa solo dal 31 ottobre.
      Ecco che ci sono 2 mensilità da pagare (settembre ed ottobre) durante le quali comunque continuerai a vedere il tuo abbonamento.

  13. buongiorno a tutti e veramente complimenti per il servizio che ci date!!
    proprio oggi sono stato contattato dal commerciale di vodafone per ritornare con loro e sono stato invogliato con la promessa di avere un iphone5 in meno di una settimana!!
    l’abbonamento che mi hanno offerto con abbinato il telefono ha una permanenza minima di 30 mesi, penale da pagare per recesso anticipato di 500€ + (giustamente) le rate del telefono che rimangono.
    ma visto il decreto bersani non sono un po care 500€?? in caso di recesso mi tocca veramente pagarle?? mi sembrano un po eccessivi come costi effetivamente sostenuti per la disattivazione del servizio!!
    dal momento che firmo il contratto e tutte quelle minuscole clausole che ci sono per cui ti fanno rifirmare 1000 volte sono veramente così incastrato??
    grazie mille anticipatamente, continuate sempre così..

    1. Ma stai parlando di telefonia fissa o mobile ?
      Comunque per spese di recesso 500 euro non sono giustificati, però potrebbero essere di restituzione di sconti usufruiti .
      Mi spiego: se per tornare in Vodafone ti fanno un’offerta particolare (non paghi certe spese, hai una tariffa promozionale) questi sconti sono legati alla permanenza stabilita dal contratto.
      Se recedi prima hanno diritto di richiederti gli sconti di cui hai usufruito e ti ricalcolano il periodo in cui sei stato sotto contratto a tariffe piene.
      Comunque se ti abboni a Vodafone solo per avere l’iPhone, è meglio che ci rifletti sopra.

  14. grazie salvatore.
    in effetti vorrei tornare a vodafone solo per in nuovo oggetto di culto!!
    si tratta di telefonia mobile e l’abbonamento è un classico piano relax tutto compreso a 49€ al posto di 69€ come chiunque passi a vodafone.
    ora l’idea era di ripassare nel giro di un paio di mesi ad un altro operatore più conveniente, pagando ovviamente le restanti rate mancanti del telefonino, i 40€ degli sconti usufruiti ed anche qualcosa di ragionevole come spese sostenute per il recesso (tipo 100€!!) che aggiunte al contributo iniziale di 69€ non mi sembra roba da poco…
    secondo il decreto bersani bis non c’è un tempo minimo di permanenza vero?
    si può teoricamente provare a fare?
    mille grazie davvero..
    @admin-salvatore

    1. Non ci vedo la convenienza. Come hai detto tu comunque il telefonino lo devi pagare fino in fondo ed in più ci aggiungi le spese per il recesso … fai prima a comprarlo in negozio. In questi giorni Euronics ed Unieuro fanno anche il pagamento a rate tasso 0 taeg 0 .

  15. Buongiorno, ho il contratto Vodafone (ADSL e Telefono Casa) che mi scade il 24-12-2012, dopodichè ci sara’ il tacito rinnovo.
    Io vorrei passare ad altro operatore, lo devo fare dopo la scadenza naturale del 24-12-2012 oppure devo dare disdetta prima della scadenza?

  16. Buongiorno,
    nell’hotel in cui lavoro c’è un internet point (pc + linea) di una società esterna. Il contratto è stato stipulato nel 2004 ed aveva una durata quinquennale. Purtroppo, prima dello scadere dei 5 anni (almeno 6 mesi prima, secondo contratto), il mio datore di lavoro non si è ricordato di mandare la famosa raccomandata con ricevuta di ritorno, così ci siamo rassegnati a tenercelo altri 5 anni fino al 2014, poiché nel contratto era previsto il tacito rinnovo. Giusto per non sbagliare, abbiamo già inviato una raccomandata di disdetta questo novembre, ma ci è stato notificato che il servizio non può essere interrotto fino al 2015 perché fa fede la data di installazione e non di stipulazione del contratto. -_-!
    Lasciando perdere il servizio che è a dir poco scadente e costoso, non si può proprio far nulla per rescindere un contratto simile?
    Ringrazio in anticipo per l’aiuto.

  17. Ma Bersani, avrà capito che razza di MOSTRO ha creato con la Legge che porta il Suo nome?
    Spero che sia stata una questione di superficialità e non di legami con le varie lobby dei Gestori.
    Se proprio doveva aggiungere i “costi operatore”, quantomeno doveva inserire dei vincoli sulla loro entità massima e sui tempi di applicabilità!
    Lo sapete che alcuni operatori, vedi Infostrada, hanno reso i contratti a tempo indeterminato (neanche ci fossimo sposati in Chiesa!) oppure continuano ad applicare i “costi operatore” anno dopo anno, vedi Sky e Mediaset Premium, rendendo, in pratica, il contratto a tempo indeterminato se non si fa disdetta per un giorno ben preciso, cioè rinunciando esplicitamente alla Legge Bersani. Almeno prima della Legge Bersani, dopo il primo anno si poteva cambiare operatore o dare disdetta definitiva senza nessun costo, mentre adesso quella famosa concorrenza é più “ingessata” di prima.
    Considerazione finale, dato che lavoro nel campo della vendita di apparati e sistemi per le comunicazioni elettroniche, so benissimo che per interrompere un servizio, bastano pochi secondi (si tratta di fare una ricerca in un database, che dura non più di 10 secondi, modificare il record dell’utente togliendo l’abilitazione, con un’azione di 1 secondo, ed applicare la modifica, schiacciando il pulsante OK), quindi basta il lavoro di non più di 15…20 secondi di personale neanche ad alta specializzazione che ci fanno pagare da 40 a 100 Euro cioè oltre 14000 Euro all’ora (neanche gli astronauti costano così tanto!). Inoltre non credo che gli addetti a questo compito facciano solo quello, altrimenti ci sarebbe una pessima organizzazione del lavoro da parte dell’Operatore, ma comunque, perché dovremmo pagare noi un loro problema di gestione? Non dovrebbe essere l’AGCOM a controllare se i “costi operatore” sono giustificati? I semplici calcoli di cui sopra non li sanno fare?
    Non posso che invitare Bersani, che molto probabilmente diventerà il prossimo Presidente del Consiglio, a rimettere mano alla Sua Legge e correggere queste storture cancellando quest’”Inganno”.

  18. Sezione IV Diritto di recesso Art. 64. Esercizio del diritto di recesso”L’avviso di ricevimento non è, comunque, condizione essenziale per provare l’esercizio del diritto di recesso”.

  19. Se in un contratto di manutenzione o di servizi in genere, esiste la durata quinquennale ed è scritto chiaramente che alla scadenza il contratto si rinnoverà per lo stesso periodo (quindi altri 5 anni), è possibile recedere al termine della scadenza annuale ?

    1. Il decreto bersani si applica esclusivamente ai contratti di telecomunicazioni .
      Per gli altri contratti bisogna vedere caso per caso cosa è scritto nel contratto.
      Se nel tuo contratto c’è un articolo per il recesso anticipato bene, altrimenti sarà difficile che possa disdire dopo un anno .

  20. Salve, un’imformazione… è cambiato qualcosa in merito alla disdetta del contratto di servizio di vigilanza privata? io ho firmato a suo tempo un contratto che prevedeva la disdetta alemno sei prima della ricorrenza annuale? secondo voi si può in qualche modo bypassare tale clausola? il contratto originario è stato corretto a mano dal venditore, può essere questo un appiglio per disdirlo? preciso inoltre che il servizio non funziona assolutamente ma è molto difficile dimostrarlo… grazie mille in anticipo per la vs risposta…

  21. Chiedo se questa legge modificata permette di recedere dal contratto di manutenzione dell’ascensore che purtroppo è stato rinnovato tacitamente per dimenticanza di disdetta per udite 10 anni! Mi si dice che devo pagare gli anni rimanenti fino alla conclusione del decennio! Ma sarà mai possibile?
    Grazie

  22. Salve a tutti e chiedo un vs parere sulla mia vicenda con Sky:
    A settembre 2011 ho aperto un pacchetto con sky e a luglio 2012 ho preso il decoder my sky hd. All’atto del comodato d’uso per il decoder nessuno mi ha detto nulla di penalità in caso di recesso anticipato e non ho firmato nulla, ho solamente lasciato il mio nome cognome e codice cliente. A marzo 2013 ho inviato raccomandata AR per disdire tutto al 30/04/13. Mi hanno più volte richiamato per presentarmi varie offerte che non ho accettato. Oggi mi è stata inviata una fattura di 250,83 per addebito sconti e servizi. Arrabbiatissimo ho telefonato al numero verde e una centralinista mi ha detto che a luglio/agosto 2012 mi avevano mandato una mail per informarmi della penalità in caso di recesso anticipato….io però non ho ricevuto alcuna mail; inolktre mi ha detto che nelle righine del contratto (????) c’è scritto ma io non ho firmato alcun contratto per il decoder my sky hd.
    Nel frattempo ho bloccato il rid e non sono disposto a pagare questo salasso per me ingiusto
    Grazie per un vs parere
    Giovanni

    1. Il contratto è solo uno, quello in cui hai sottoscritto per la prima volta Sky. Il fatto di aver preso un decoder my sky non è l’apertura di un nuovo contratto di servizio. Hai solo ‘acquistato’ un accessorio.
      Per usufruire del prezzo scontato del mysky però hai prolungato di un anno il contratto a partire da luglio 2012 .
      Se disdici prima devi rimborsare lo sconto che hai avuto.
      Mi dispiace, ma in quanto a contratto hanno ragione loro.
      Poi se sono stati poco chiari e non ti hanno detto che prolungavi un anno, hai ragione tu, ma serve a poco.

  23. Grazie per la rapida risposta,
    volevo chiedere se c’è la possibilitàdi appellarsi all’assoconsumatori per la mancanza di chiarezza e/o informazione di questa penalità; oppure se esiste qualche via d’uscita …..
    Io intanto per il momento non li pago!!!!

    Grazie ancora

    Giovanni

  24. Scusate ma io ho cambiato operatore da Vodafone a wind …. È devo pagare la penale xke ho disattivato il piano relax automaticamente da Vodafone…
    Ma xke devo pagarlo? L’ho attivata x telefono e non ho firmato e non mi è stato detto dell’obbligo di rimanere 12 mesi in relax…

    1. Il contratto con Vodafone l’hai firmato la prima volta che hai aperto il numero di telefono o sei passato da loro, come adesso firmerai con Wind.
      I cambi di tariffa non sono un nuovo contratto e questa possibilità e relativi diritti/doveri sono descritti nel contratto originario .
      Mi dispiace, ma se hai avuto una tariffa scontata e recedi, devi restituire gli sconti avuti.

  25. salve sono antonella sono cliente sky e nel agosto 2012 mi ha contattato il servizio fastweb dicendomi che per me che sono cliente sky cìè un offerta speciale, (con l’unione sky fastweb)
    potevo pagare per 12 mesi 19,90 anzichè 45,00 e dopo l’anno avrei pagato 35,00.
    Passato l’anno agosto 2031 ho voluto cambiare con un altro gestore, ma fastweb mi ha ricontattato facendomi una contro proposta è se rifiutavo di rimanere con loro dovevo pagare una penale di 45 euro più altre opzioni sarei arrivata a pagare sui 180 euro. Ora vi prego vi domando ma dopo la scadenza di contratto loro mi possono chiedere una cifra del genere?
    PREMESSO sono stata contattata da un operatore tim che voleva che passassi con loro, ma declinando l’offerta ho spiegato ill perchè, l’operatore mi ha detto che da qualche mese la nuova legge bersani ha abolito ogni tipo di penale passato il tempo di contratto! ha ragione?
    un ringraziamento anticipato per la vostra attenzione!

    1. L’offerta homepack di fastweb ha un vincolo di 24 mesi .
      Se recedi anticipatamente devi restituire gli sconti avuti .
      Non puoi far valere la legge Bersani perché il tuo sarebbe un recesso anticipato.

  26. Buongiorno, abbiamo un contratto business di telefonia voip e internet di 36 mesi stipluato con Qcom a ottobre 2011. Dopo due anni di vicessitudini, malfunzionamenti e disservizi, abbiamo deciso di cambiare gestore. Sulle condizioni generali allegate alla proposta di contratto c’è scritto che in caso di recesso anticipato il cliente deve pagare, oltre ai costi di disattivazione, i canoni mensili mancanti fino al 36 mese. Sulle altre condizioni allegate al contratto vero e proprio c’è scitto invece che il cliente business è tenuto a pagare gli stessi costi solo qualora rescinda prime di 24 mesi di contratto. Noi ora ci troviamo nel 25.
    Fatto sta che abbiamo chiesto a Qcom di stimarci i costi di disattivazione dei servizi, stimati da loro in circa 2366 euro (2067 di canoni e 299 di disattivazione).
    Oltre a tutto ciò, ci è stato detto che i contratti da 36 mesi non sono legali, e quindi possiamo impugnarlio. É vero? come dobbiamo procedere ora?
    Grazie mille!

  27. Buongiorno, ho dato disdetta di un contratto di vigilanza, sul quale tra l’altro non c’è accordo sulla data di inizio, per chiusura di una attività commerciale. Mi è stato addebitato come penale il 50% del canone dei mesi rimanenti. In questo caso, visto che il recesso è avvenuto per chiusura di attività e non per altri motivi, visto che non avremmo potuto comunque usufruire del servizio, la penale è dovuta? Grazie.

    1. Domanda da rivolgere ad un avvocato. Personalmente ritengo che la penale sia dovuta, non essendo imputabile al fornitore la cessazione dell’attività e la relativa disdetta del contratto.

  28. @francesca
    Scusi Francesca,
    come è finita con QCOM ???
    anch’io ho appena fatto una migrazione da Qcom a Telecom Italia e da Qcom mi hanno chiamato segnalandomi che avrei dovuto versare i restanti canoni fino alla scadenza del contratto e i costi di disattivazione. Secondo me puro terrorismo in quanto le clausole contrattuali sono ampiamente contrarie al decreto Bersani bis convertito in legge n.40/2007.
    Il sito AGCOM è zeppo di delibere a favore degli utenti che hanno imposto agli operatori di stornare tutti i costi non dovuti.
    Io ho inviato una mail via PEC invitandomi a non addebitare nulla.
    Ora vedrò come si muovono.

  29. Lavoro in un “recupero credito” wind e telecom, quando chiamiamo i clienti, diciamo che il costo di migrazione 35 euro ma soprattutto quello di disdetta della linea telefonica 65 euro devono essere pagati anche se il cliente è giunto alla fine del contratto stipulato, ciò perchè sarebbe stato avvisato con una comunicazione inviata insieme alla fattura da pagare e quindi ci sarebbe un silenzio assenso, del cambio della legge, ritengo che in questi casi il cliente non debba pagare perchè deve poter scegliere la modalità di uscita meno onerosa.
    La legge non quantifica i costi, di disattivazione/migrazione, ma sarebbe facile agganciarli ai costi di attivazione ” I COSTI DI DISATTIVAZIONE 60euro NON POSSONO ESSERE SUPERIORI AI COSTI DI ATTIVAZIONE 10euro” credo che ciò sia facilmente dimostrabile. Perchè Bersani, che si erge a favore della gente, non ha previsto delle penalità per i disservizi creati dai fornitori ai loro clienti? La verità? Buttiamo giù il sistema, TUTTO, e ripartiamo da zero.

  30. io ho firmato un contratto di 12 mesi con sky,prendendo il corrispettivo direttamente dal cnto di mio padre,è diventato automaticamente lui l’abbonato ad ottobre mio padre muoree viene applicato il silenzio assenso o come si dice.ora che i soldi nn bastano certamente per pagare anche un abbonamento sky,vorrei chiedere a chi sà più di me se posso fare qualcosa,o come posso pagare il minimo x staccarmi da questi ladri.

    1. Perchè ladri ? Se vedi Sky, perchè non dovresti pagare per quello che vedi ?

      Se è passato almeno un anno dall’attivazione del contratto, invia raccomandata di disdetta e pagherai poco più di 11 euro per la disattivazione.

      Se è passato meno di un anno bisogna vedere a quali offerte hai aderito. Oltre agli 11 euro c’è da restituire eventuali sconto ottenuti per chi restava abbonato almeno un anno .

      1. non vedi che non esiste più una tariffa buona per la singola chiamata dei cellulari? Le offerte??? paghi 5 euro al mese che ti dò minuti gratis, che ti do chiamate ai cell vodafone a costo zero… eccc…. SE VOGLIO USARE DUE VOLTE AL MESE IL CELLULARE… PERCHE’ DEVO PAGARE 4 EURO?? PERCHè LA TARIFFA BASE E’ TANTO ALTA PER TUTTI? TE LO DICO IO… PERCHE’ TI DEVONO SPINGERE AD ACCETTARE LE OFFERTE. LE COMPAGNIE SONO PRIVATE, PERCHE’ NON FANNO DELLE TARIFFE ACCETTABILI ED OGNUNO PAGA SOLO SA TELEFONA ANZICHE’ AL MESE?? UNA VOLTA IL GETTONE ERA UNO SCATTO, PERCHè NON DEVE ESSERE COSI’ ANCHE ADESSO E SPARISCONO I COSTI FISSI DEL TELEFONO, DEL GAS, DELL’ELETTRICITA’ ECC…??
        PERCHè LO STATO NON INTERVIENE A REGOLARE CERTE TRUFFE?? UNA STAMPANTE COSTA MENO DI QUANTO COSTA LA CARTUCCIA DI QUELLA STAMPANTE… TI SEMBRA GIUSTO OPPURE E’ UN IMBROGLIO?? SI POTREBBERO FARE INNUMEREVOLI ESEMPI… E CI SAREBBE SICURAMENTE IL MODO PER IMPEDIRE QUESTE TRUFFE: I CARICABATTERIE DEI CELLULARI DEVONO ESSERE TUTTI UGUALI, SOLO SE CON METODO INNOVATIVO IL PERMESSO DEVE ESSERE DATO AD HOC. LA DISATTIVAZIONE DI UNA LINEA NON RICHIEDE PIU’ TEMPO DI UNA ATTIVAZIONE E QUINDI DEVE ESSERE UGUALE E SE C’E’ ECCEZIONE AD ENTRARE DEVE VALERE ANCHE PER USCIRE. ELIMINARE DEL TUTTO GLI ABBONAMENTI CHE SUPERANO I 6 MESI.

  31. SEMPRE PIU’ NELLA RETE DEGLI ABBONAMENTI OBBLIGATORI MENTRE IL PREZZO FUORI DAGLI ABBONAMENTI E’ PROIBITIVO, DOVE SONO LE AUTORITA’??? IO VORREI PAGARE UN GIUSTO PREZZO SOLO QUANDO, E SE USO IL SERVIZIO. MI METTONO LA LUCE COLORATA DEI MINUTI GRATIS, DEL GAGGET: TELEFONINO ECCC… E BLOCCANO I NEURONI CHE CI DOVREBBERO ILLUMINARE SU UN GIUSTO USO E CONSUMO. “COMPRATE LA MACCHINA A 1000 EURO, MA LA BENZINA DOVETE COMPRARLA DA NOI A 5 EURO PER LITRO, SERVENDOVI SOLO DA NOI PER 10 ANNI” OPPURE “COMPRATE PER 1000 LITRI DI BENZINA DA NOI OGNI MESE PER 20 ANNI CHE VI REGALIAMO LA MACCHINA” PER LA LEGGE E’ TUTTO LEGALE, MA QUALCUNO DOVREBBE IMPEDIRE CHE LA GENTE VENGA BURLATA -DAL CALL CENTER- a telefono con i clienti HO PIANTO, PER LA POVERA GENTE, TROPPE VOLTE PER NON ESSERE TOTALMENTE CON LORO: es: faccio il contratto, ho problemi di linea, il servizio richiesto era telefono fisso ed internet con adsl, non posso attivare l’adsl? non fa niente, usate il telefono, non lo volete? fate la disdetta con 65 euro per la disdetta, non pagate? noi l’avvocato lo abbiamo sempre perche’ lo paghiamo a mensilità non per cause singole, per difenervi, anche solo con un giudice di pace la spesa che affronterete è superiore ai 65 euro che vi chiedo, vedi che ti conviene pagare e stare zitto????

  32. Devo cambiare il mio abbonamento con 3, per avere più traffico internet. Contratto stipulato da pochi mesi contestualmente all’acquisto a rate del telefono.
    Oltre alle rate del telefono, per disdire vogliono 240€ di penale. Malgrado io abbia usufruito finora soltanto di circa 30€ di “sconti” (riportati in fattura, in realtà il consumatore non sa nemmeno che le tariffe sono scontate al momento della sottoscrizione.. è chiaramente un trucco per aggirare il decreto Bersani e qualcuno dovrebbe obbligarli a comunicare le tariffe in modo più chiaro).

    Ma insomma: gli sconti si pagano tutti subito, fino alla fine prevista dal contratto, anche se non effettivamente usufruiti? Non dovrebbero essere giustificati?

    1. dici “devo cambiare il mio abbonamento con 3” quindi sei già con 3 e vuoi restare con 3 ?
      Non capisco.
      Mica devi dare la disdetta del tuo contratto. Basta passare al nuovo piano telefonico con nuova tariffa.

      Non credo che valga come recesso dal contratto e che ci siano penali da pagare, nè sconti da restituire.

      1. Non mi sono soffermato sulla cosa ma anche questo non è molto a favore del consumatore: non puoi cambiare piano in nessun modo se non recedendo dal contratto.

  33. Molti clienti stanno imparando a non pagare i costi di migrazione, né quelli di cessazione della linea, vi consiglio di non pagarli, pagate tutto scorporandoli dal totale da pagare, e vedrete che nessuno ve li chiederà. Vi consiglio anche di non pagare quando avete molte fatture arretrate, dopo circa tre mesi offritevi di pagare col 15% di sconto. Se tutto va bene risparmierete il 15-20%. Non sottoscrivete i nuovi abbonamenti della Vodafone: sono una vera e propria trappola per il consumatore, per uscire da questi contratti è onerosissimo, NON SOTTOSCRIVETE I NUOVI CONTRATTI VODAFONE, leggete bene tutto il contratto prima di metterci sotto la firma. Mi meraviglio molto che siano legali. CIAO GIUSEPPE se volete scrivete a peppe62elena62@gmail.com e nei limiti di tempo vi darò qualche dritta DIFFIDATE, E LEGGETE SEMPRE BENE QUELLO CHE SOTTOSCRIVETE. Inoltre, pretendete sempre di poter disdire il contratto con posta elettronica E NON CON RACCOMANDATA.

    1. i sotterfugi sono sbagliati da una parte e dall’altra. credo che i rapporti fornitore/cliente dovrebbero essere sempre improntati sull’onestà e rispetto dei termini contrattuali.
      Non puoi chiedere di recedere con posta elettronica, se non è PEC non è un sistema di comunicazione legalmente valido.

      1. Se lasci un telefono di contatto e disdici con posta elettronica, qual’è il sotterfugio??? La posta è immediata, non ha spese, e può essere convalidata da una telefonata del fornitore al momento del distacco, analogamente alla telefonata di conferma che i fornitori (es-Vodafone) fanno per confermare i contratti in televendita o con operatori one to one. Il vero problema sarebbe la maggior libertà di disdetta del contratto. Il costo di una giornata di lavoro di un impiegato all’estero sai quant’è??? 10 euro! quanti distacchi può fare in una giornata? 100-200, perchè una migrazione costa 35 euro e un distacco 65 euro???
        Inoltre, se si accorgono di errori commessi, non li aggiustano mai di propria iniziativa e questo è fortemente scorretto. Oggi ho trovato due o tre clienti che sono migrati, ma nella loro fattura compariva la voce di distacco con spese più che raddoppiate. ATTENZIONE, FATEVI FURBI

        1. sarebbe bello poter disdire o fare variazioni per email. Però al momento non è contemplato nei contratti e consigliare di usare l’email significa mettere nei guai chi vuole fare disdetta.

          Il sotterfugio è rifiutarsi di pagare cercando sconti. Tutti si devono comportare correttamente e secondo i contratti firmati, sia Vodafone che i suoi clienti.

          1. Sarebbe bello? La posta PEC a che serve? Lo sai che noi operatori non sappiamo… e quindi non possiamo dare l’indirizzo di posta pec ai clienti? La verità che il servizio telefonico è diventato una grande mafia, poi, io non dico che devono fare le operazioni solo con le mail, gli operatori richiameranno per confermare ciò che è scritto nelle mail. Non vedo infatti il motivo per il quale le ditte danno le risposte ai reclami per via email, e lo stesso metodo non deve poter essere usato dai cittadini.

  34. NON SOTTOSCRIVETE I NUOVI PIANI VODAFONE SONO DELLE VERE TRAPPOLE, DIVENTA DIFFICILISSIMO USCIRNE E BISOGNA PAGARE CIFRE ASSURDE, ATTENZIONE NON CI CASCATE, LAVORO PER LA VODAFONE E SO DI CHE PARLO

  35. io ho firmato un contratto di 12 mesi con sky,prendendo il corrispettivo direttamente dal cnto di mio padre,è diventato automaticamente lui l’abbonato ad ottobre mio padre muoree viene applicato il silenzio assenso o come si dice.ora che i soldi nn bastano certamente per pagare anche un abbonamento sky,vorrei chiedere a chi sà più di me se posso fare qualcosa,o come posso pagare il minimo x staccarmi da questi ladri.

  36. Dopo due anni di contratto vodafone, sono stata indotta all’errore sulla data di scadenza del contratto dai vari operatori vodafone che a partire dal mese di ottobre mi hanno subissato di chiamate per farmi proposte commerciali (secondo loro) appetibili che mi avrebbero dovuto indurre a prorogare il contratto in scadenza. A domanda precisa (il mio contratto è di 24 o di 30 mesi? quando scade esattamente? ) l’operatore mi ha indicato una data esatta per la scadenza del mio contratto Relax , purtroppo tutto telefonicamente , e la data era il 20 novembre 2014.
    Per una serie di circostanze sfortunate che non sto ad elencare (fra cui furto di documenti e carte etc ) non mi sono presa il tempo di cercare il contratto cartaceo e fidandomi sia delle ripetute ed insistenti proposte di rinnovo , che continuavano, dopo circa un mese rispetto alla scadenza che mi è era stata indicata ho cambiato operatore. Ero tranquilla e La sorpresa di trovare un addebito di circa 600 euro in data 9 gennaio sulla mia carta di credito è stata enorme . Sto cercando il contratto cartaceo, ma mi è dispiaciuto che mi sia stato precluso l’accesso alla mia pagina personale di vodafone prima ancora di ricevere l’addebito, tanto che ho dovuto chiedere la copia della fattura emessa tramite il servizio clienti ( mi è stata inviata per email) … non avendo più accesso al sito ho perso la possibilità di verificare l’esposizione dei dettagli dell’abbonamento o di ristampare il contratto . Il centro telefonico in cui avevo sottoscritto l’abbonamento mi ha confermato che le rate erano 30 quindi loro ancora possono vedere la mia posizione , io no, mi è stata precluso l’accesso.
    Ho possibilità di contestare l’addebito della penale (magari tramite associazione di consumatori ) dato che il recesso anticipato non è stato volontariamente e consapevolmente deciso ma indotto per l’errata informazione e la scarsa trasparenza degli stessi operatori Vodafone?

  37. La legge bersani, dice che bisogna pagare solo i costi effettivamente, sostenuti dalla ditta. Fate reclamo chiedendo la distinta dei costi sostenuti dalla ditta ed il posto da cui è stata fatta l’operazione di disattivazione (nelle nazioni in cui si trovano i call center un operaio, spese comprese, non costa più di 2-euro per ora. Noi vogliamo pagare una giornata di lavoro al dipendente? Bene, il costo non deve essere superiore a 10-euro.

  38. Salve, ho disdetto sky inviando, esattamente 30 giorni prima della scadenza annuale del contratto, la raccomandata R/R. Fa fede la data di invio o la data di ricezione della mia raccomandata?
    Grazie.

  39. Salve,
    ho concluso telefonicamente a gennaio 2014 un contratto business ” Flusso Primario” con telecom Italia, che attialmente è diventato Tim ( premetto che da tale gestore non ho mai ricevuto nessuna comunicazione di tale fusione).
    Svariate volte ho chiesto a Telecom di ricevere una copia del mio contratto, visto che non ho mai firmato nulla, ma ad oggi non ho ricevuto nessuna risposta e nessun contratto.
    Premetto che fin dall’inizio ho avuto sempre problemi commerciali con loro….ma ho sempre pagato e poi ho dovuto lottare per avere i vari rimborsi.
    Alla fine mi sono stancata e ho deciso di disattivare il tutto con raccomandata in data 15 luglio 2015.
    Ricevo la ricevuta di ritorno in data 17 luglio 2015 per cui la mia linea doveva essere disattivata in data 16 Agosto 2015, ma questo non avviene per cui chiamo il 191 e mi dicono che non risulta nessuna raccomandata.
    Mi chiedono di inviare una pec con tutti i documenti, fatto immediatamente e quindi la linea mi viene staccata in data 27 Agosto 2015.
    Oggi ho ricevuto la fattura e scopro che mi hanno addebitato i seguenti costi:
    – Cessazione anticipata linea € 100,00
    – Costo disattivazione linea € 28,84
    – Linea vaolre + isdn Primario agosto – settembre € 420,00
    ( come fanno ad addebitarmi tali costi che la linea e’ stata disattivata in quel periodo?)
    – Linea vaolre + isdn Primario 01 agosto 2015 – 27 agosto 2015 € 91,45
    ( premetto che la linea doveva essere staccata il 15 agosto e no il 27 agosto)
    Premetto che inizialmente e’ stata fatta la richiesta di una nuova linea e ho accettato di pagare in unica soluzione i costi di attivazione di € 300,00 proprio per non avere vincoli con loro.
    Ho chiamato subito il 191 per ricevere informazioni e la signorina mi dice di pagare la fattura e nella successiva verrà fatto lo storno.
    Non è mia intenzione pagare la fattura con tutti questi costi che non ritengo leggittimi, anche perchè al 31/12/2015 la società chiudera’.
    Come posso comportarmi?
    Posso stare i costi non dovuti e pagare il giusto?
    Grazie

  40. Buonasera,
    Vorrei un aiuto. Ho effettuato un anno fa un abbonamento con H3G per il webpocket, cioè un abbonamento internet per casa che prevede il pagamento di 19,90€ al mese per 1 giga di adsl al giorno. Vorrei disdire il contratto che ha durata 24 mesi. Posso sapere se devo pagare qualche penale? O se posso appellarmi al decreto Bersani?
    Posso anticipare che nel contratto è riportata una tabella dove ci sono vari “scaglioni” di sconto praticati, e per ogni scaglione viene riportato l importo da versare in caso di recesso anticipato.
    Come faccio a sapere quale è lo sconto praticato?
    Grazie

    1. Normalmente se recedi anticipatamente devi pagare gli sconti di cui hai usufruito e concessi a condizione che tu rimanessi abbonato per il periodo previsto (24 mesi) .
      Non conosco però questo particolare contratto con il recesso già previsto a scaglioni. In questo caso evidentemente è già previsto quanto devi restituire per gli sconti fruiti. Fai bene i calcoli dalla data di attivazione del contratto ad oggi, e leggi la tua tabella.

  41. Se prevista dal contratto si deve pagare la penale. Il decreto Bersani si applica esclusivamente a contratti per adesione stipulati con operatori di telefonia, reti televisive e comunicazione elettronica (art. 1)

  42. buon giorno, lo scorso ottobre, ho stipulato un contratto con primisuimotori.it per far promuovere il mio sito sui motori, ora vorrei disdire visto che non mi danno risposta se non che i tecnici stanno lavorando le verrà inviata la mail a fine lavori. posso disdire o devo comunque portare a tewrmine il contratto?

    1. Per questo tipo di contratti non vale il Decreto Bersani .
      Per disdire ti devi affidare a ciò che è scritto sul contratto .
      Tiene presente che molto probabilmente ci sarà scritto che non possono garantirti che il tuo sito sarà il primo nella ricerca di google e simili.

  43. Salve,
    ho sottoscritto un contratto con una società di vigilanza nel luglio 2012 ed ho espresso la volontà al momento della stipula di rinnovare tacitamente di anno in anno e adesso vorrei terminare il mio rapporto con questa società.ho comunicato le mie intenzioni e mi e’ stato risposto che ho un contratto in atto e devo aspettare luglio 2016 per poter rescindere o mi verrà addebitato un corrispettivo pari al 30% dei canoni rimanenti….come posso muovermi?
    grazie in anticipo

  44. E’ possibile disdire anticipatamente un contratto di vigilanza … e un servizio, mi hanno fatto un contratto di anni 5 tacitamente rinnovabile ??

    1. argomento già trattato . Il decreto Bersani Bis riguarda i contratti per adesione stipulati con operatori di telefonia e di reti televisive e di comunicazione elettronica, quindi non può essere invocato per un contratto di vigilanza .
      In questi casi occorre attenersi a ciò che è scritto sul contratto ed eventualmente incontrare il fornitore per raggiungere un accordo .

  45. Buongiorno , vorrei fare una domanda inversa…..
    È possibile che sia il gestore telefonico a eliminare un contratto a tempo indeterminato perché ormai diventato per la compagnia telefonica poco competitivo ?
    Entro nello specifico ; 4 anni fa feci un contratto con Tim chiamato Internet Large in cui l’operatore garantiva 5 GB mensili al costo di 19,16 euro e a esaurimento dei giga garantiva la navigazione a velocità ridotta….due gg fa mi è arrivato il messaggio di cambiare piano perché questo entro aprile verrà eliminato ? Vi sembra corretto? Oppure nel contratto dovrebbero scrivere a tempo indeterminato fino a che ci conviene

  46. Ciao vorrei domandare questa legge vale anche per chi ha un contratto con local web? è una impresa che si dice partner di google, fanno contratti per fare pubblicità della tua azienda in internet . Vale anche per local web ?

    1. Argomento affrontato più volte. NO, non vale anche per un contratto con local web, come descritto. Vale esclusivamente per i contratti di operatori di telefonia e di reti televisive e di comunicazione elettronica.

  47. Buongiorno,dopo 4 mesi dall’abbonamento fatto con sky,decido di interromperlo e mando lettera raccomandata.Viene ricevuta dopo 5 giorni e da subito non ricevo più il segnale.Ora sky mi chiede di pagare il maggio( mese della raccomandata) più giugno e luglio,perchè secondo loro ancora ricevevo i programmi. Il tempo perso è intercorso perchè l’operatore da me chiamato mi ha dato l’indirizzo sbagliato e la raccomandata è finita a Roma anzichè a Milano.Se fosse vero che non hanno l’ufficio a Roma come mai il giorno esatto del ricevimento io non ho più avuto il collegamento?Mi chiedono inoltre una penale di 180 euro per la chiusura anticipata,questo è legale?io penso che devo loro solo eventuali sconti usufruiti in quei
    4 mesi

    Grazie,Rosi

    1. se spedisci la raccomandata a maggio, la disdetta è per la fine del mese successivo, giugno.
      Quindi è solo luglio che è in più.
      La sede di Roma ha chiuso recentemente. Comunque vale quando tu hai spedito la raccomandata, non quando la ricevono. Insisti su questo. Se l’hai mandata a maggio e loro a luglio ancora avessero mandato il segnale, è un errore loro.

      Esatto, ti devono richiedere indietro tutti gli sconti che hai avuto in sede di sottoscrizione. Sicura che non corrispondano ai 180 euro? Se non hai pagato 79 euro di attivazione, 79 euro di consegna decoder mysky e sei già a 158 euro, più lo sconto mensile arrivi a 180 euro tranquillamente. Anche se sono sconti fittizi, esistono nel listino ufficiale.

  48. Ciao,
    mia mamma aveva sottoscritto un contratto con Vodafone che includeva anche uno smartphone, la durata del contratto era di 30 mesi ma purtroppo lei è mancata dopo un anno. Ora Vodafone vuole che io e mia sorella paghiamo, oltre alle restanti rate del telefono che trovo doveroso pagare, anche la penale di recesso che è superiore alle rate!. Ne hanno il diritto?

    Grazie
    Gen

Aggiungi la tua opinione, lascia un commento